sentieristica 3 - A. S.D. Recolapesce - Messina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Escursionismo > Sentieristica

Vademecum dell'escursionista:
un sintetico manuale trekking per il neofita
Sentieristica ( 3 )

La segnaletica  orizzontale

Per segnaletica orizzontale o intermedia si intende quella al suolo, posizionata usualmente sui sassi ovvero sui tronchi degli alberi per indicare la continuità, in entrambe le direzioni, di un itinerario segnalato. I colori adottati dal CAI per la segnaletica dei sentieri         sono il rosso e il bianco da usarsi sempre in abbinamento. Già allo stato attuale i colori rosso-bianco della segnaletica dei sentieri sono largamente i più diffusi sia in Italia che nelle altre regioni alpine.
Laddove i sentieri sono ora segnati con altri colori e con diversa tipologia, pur comprendendo inevitabili disagi, si auspica che si giunga comunque ad una graduale uniformità di segnaletica. Sono in corso contatti con il Corpo Forestale dello Stato e con quelli regionali affinché per le necessità forestali si usino colori diversi da quelli  d'uso escursionistico.

I simboli usati per la segnaletica intermedia dei sentieri sono i seguenti:
Segnavia bianco-rosso
E'usato per indicare la continuità del sentiero; va posto nelle immediate vicinanze dei bivi e ogni 5-10 minuti di cammino se il sentiero è evidente, altrimenti a distanza più ravvicinata, tenendo in considerazione le caratteristiche ambientali e   l'inserimento rispettoso nel luogo. Misura 8 x 15 cm.
Segnavia rosso-bianco-rosso con inserito in nero (sul bianco) il   numero del sentiero
Viene usato ai bivi ed in altri punti dove è utile confermare la giusta continuità dell'itinerario numerato. Misura 8x15 cm.
Segnavia di sentiero difficile EE
è sinonimo di un percorso difficile perché esposto, insidioso, non necessariamente attrezzato oppure attrezzato con funi corrimano e percorribile senza l'uso di attrezzature.
Segnavia di sentiero difficile EEA
indica i percorsi difficili attrezzati da percorrere con l'adeguata attrezzatura di sicurezza (es. "vie ferrate"). I simboli vanno collocati all'inizio del sentiero e del tratto difficile, inseriti su un segnavia rosso- bianco-rosso.
Freccia rossa
Indica una sorgente, una fonte, un rio d'acqua nelle vicinanze; la freccia, eseguita con la vernice rossa e scritta "ACQUA" in nero, sarà rivolta nella direzione in cui  si trova l'acqua e la distanza in metri - o il tempo - per raggiungerla.
Picchetto segnavi
Va posto lungo sentieri che attraversano pascoli privi di sassi o  su terreni aperti privi di elementi naturali di riferimento dove possa risultare difficile l'orientamento. E' in legno del diametro di 6-8 cm e un'altezza di 100-120 cm (interrato per circa 35-40 cm), verniciato a tutto tondo nella parte superiore con il segnavia bianco-rosso.
Ometto di pietre
Dove realizzabile, costituisce un sistema di segnaletica efficace, naturale, discreta, duratura, economica e ideale. A differenza del segnavia a vernice, l'ometto è visibile anche in condizioni difficili, specie durante improvvise nevicate sui sentieri di alta montagna. Non sono necessarie costruzioni esagerate o eseguite da provetti muratori, bastano poche pietre accatastate, talvolta un solo sasso ben scelto e posizionato, per dare la giusta indicazione. Purtroppo tale tipo di segnaletica non è sempre possibile ma, dove i sassi sono abbondanti, gli ometti di pietra sono da preferire alla segnaIetica a vernice e ai picchetti segnavia.
Abbreviazioni su tabelle segnavia
Nella lavorazione delle tabelle segnavia è spesso necessario ricorrere a delle abbreviazioni per poter inserire, nello spazio disponibile, il toponimo della meta dell'itinerario. Per uniformare quanto più possibile queste inevitabili abbreviazioni, si invita a fare riferimento a quanto già previsto nelle guide CAI-TCI dei "Monti d'Italia" e cioè:

Biv. = Bivacco
Bocc. = Bocchetta                            
C. = Cima             
Forc. = Forcella             
L. = Lago-laghi             
L.to = Laghetto             
M. = Monte             
M.ga = Malga             
P. = Punta             
P.so = Passo             
Rif. = Rifugio             
V. = Valle             
Vall. = Vallone             
Torr. = Torrente             
inf. = inferiore             
it. = itinerario             
sent. = sentiero             
sup. = superiore             
trav. = traversata
Il testo pubblicato è tratto da:
Quaderni di Escursionismo 1 - Sentieri - segnaletica e manutenzione. Istruzioni ed informazioni.
Suppl. a "La Rivista del Club Alpino Italiano - Lo Scarpone" N° 3 1999
Torna ai contenuti | Torna al menu